Thomas Hardy’s Ale: la leggenda è tornata… Ed è già medaglia d’oro!

back

Thomas Hardy’s Ale: la leggenda è tornata… Ed è già medaglia d’oro!

8 Settembre 2016

Una delle birre che hanno fatto la storia della birra inglese e mondiale è finalmente tornata sul mercato: la Thomas Hardy’s Ale della rinascita verrà presentata ufficialmente il 12 settembre, ma ha già fatto parlare di sé con la recente medaglia d’oro ottenuta all’International Beer Challenge.

 

Settembre 2006: La Thomas Hardy’s Ale prodotta dal birrificio O’Hanlon conquista la medaglia d’oro, coronata dal titolo di miglior birra del mondo in assoluto, all’International Beer Challenge di Londra. Forse il momento più alto di una storia destinata presto ad interrompersi bruscamente. Due anni più tardi O’Hanlon cessa la produzione: troppo alti i costi, le risorse e i tempi necessari a dare vita a questo Barley Wine nato nel 1968 per omaggiare la memoria dello scrittore inglese.

Settembre 2016: dieci anni dopo, la nuova storia della Thomas Hardy’s Ale riparte proprio dall’International Beer Challenge. L’annata 2015 di questa birra così peculiare ha infatti conquistato la medaglia d’oro all’ultima edizione del concorso londinese, quasi a chiudere il cerchio e a confermare, semmai ce ne fosse stato bisogno, che nonostante il cambio di proprietà la qualità rimane altissima, immutata.

Merito di quattro anni di lavoro che hanno permesso ai fratelli Vecchiato, una volta acquisti il marchio e la ricetta nel 2012, di comporre un team di assoluto primo piano.

La Thomas Hardy’s Ale verrà presentata in forma ufficiale lunedì 12 settembre, in occasione della Milano Beer Week, presso il locale Baladin di Milano. Ospite della serata il giornalista e beer writer inglese Roger Protz, una delle firme più autorevoli a livello mondiale.

In attesa di potersi accaparrare qualche Thomas Hardy’s Ale vintage 2015 da poter mettere in cantina, lasciando che la lunga maturazione in bottiglia ne faccia evolvere gli aromi, non resta che attendere il 12 settembre per poterne sapere di più.

 

Facebook.com/thomashardyale/